2013. MAUTHAUSEN, AUSCHWITZ, BIRKENAU

VARANO B. (va) - Mauthausen - AUSCHWITZ - BIRKENAU 

IL VIAGGIO DELLA MEMORIA​

Il termine “genocidio” non esisteva prima del 1944. Si tratta di un termine molto specifico, che indica crimini violenti commessi contro determinati gruppi di individui con l’intento di distruggerli. Nel 1944, un avvocato Ebreo Polacco, Raphael Lemkin (1900-1959), cercò di descrivere le politiche naziste di sterminio sistematico che prevedevano anche la distruzione degli Ebrei Europei. Egli coniò la parola “genocidio” unendo il prefisso "geno", dal greco razza o tribù, con il suffisso "cidio", dal latino uccidere. 

Auschwitz fu il più grande dei vari complessi di campi di concentramento e svolse un ruolo fondamentale nell’attuazione del genocidio degli Ebrei, della cosiddetta Soluzione Finale pianificata dai Nazisti. Auschwitz è ricordato come il più infame di tutti i campi di sterminio dell’Olocausto.

Localizzato nella parte di Polonia occupata dai Tedeschi, Auschwitz era costituito da tre campi, di cui uno adibito a centro di sterminio. I tre campi furono aperti nel corso di circa due anni, tra il 1940 e il 1942. Auschwitz fu chiuso nel gennaio del 1945 dopo la liberazione da parte dell’esercito sovietico.

Più di un milione di persone morì ad Auschwitz, la maggior parte delle quali erano Ebrei. Coloro che non furono mandati immediatamente alle camere a gas, al loro arrivo nel campo, furono impiegati nei lavori forzati.

Il complesso di Auschwitz viene spesso chiamato, erroneamente, Auschwitz-Birkenau; ma Birkenau, o Auschwitz II, era solo una delle sezioni dell’intero complesso, quella adibita a centro di sterminio, dove si trovavano le camere a gas.

Considerato impropriamente come semplice campo di lavoro, Mauthausen fu di fatto, fra tutti i campi nazisti, «il solo campo di concentramento classificato di "classe 3", come campo di punizione e di annientamento attraverso il lavoro». Vi si attuò lo sterminio soprattutto attraverso il lavoro forzato nella vicina cava di granito e la consunzione per denutrizione e stenti, pur essendo presenti anche alcune piccole camere a gas.

Nel 2013 decisi di visitare questi tre campi di sterminio e di portare la mia testimonianza diretta di quello che fu uno degli orrori più grandi della Storia dell'uomo, con un altro viaggio in bicicletta. 

Attraverso il mitico Passo dello Stelvio, raggiunsi prima Mauthausen, quindi Auschwitz-Birkenau, con l'intento di conoscere e far conoscere ciò che fu l'olocausto, affinchè si perpetuasse la Memoria sullo sterminio di 6 milioni di persone la cui colpa era solo quella di essere ebree.

P7200016
P7200016

Describe your image

press to zoom
P7220164
P7220164

Describe your image

press to zoom
P7310542
P7310542

Describe your image

press to zoom
P7200016
P7200016

Describe your image

press to zoom
1/7